LA MAGIA DEL NATALE

di Rebecca Oropallo

 

Natale è alle porte e già possiamo sentire il profumo del panettone, del pandoro, degli abeti freschi appena tagliati pronti per entrare nelle case ed essere decorati e addobbati da adulti e bambini. Ovunque le luci ci avvolgono e i negozi pullulano di persone pronte a scegliere i regali migliori per amici e parenti, mentre gli studenti fanno il conto alla rovescia per la fine delle lezioni.

Ebbene, tra attesa e aspettativa, ormai siamo sempre più vicini al tanto agognato 25 dicembre.

Grandi e piccini di tutto il mondo sono riuniti intorno alla tavola, ognuno con le proprie usanze e tradizioni tramandate di generazione in generazione per rendere il Natale in ogni famiglia unico e speciale. In America la corsa per accaparrarsi i regali migliori è iniziata già dall’ultima settimana di novembre, le mamme hanno già preparato il tacchino farcito e i dolci tipici quali il “Christmas pudding” e il “mince pies”. In Spagna ogni strada è decorata con luminarie e festoni colorati, ad ogni angolo si sentono i cori natalizi e il tutto è completato da bancarelle di Natale, che vendono i dolci tipici della tradizione spagnola, ma l’attesa più emozionante è riservata al 6 gennaio, giorno atteso da tutti i bambini, in cui è previsto l’arrivo dei re Magi che portano con sé tantissimi doni. In Francia l’attesa di papa Noel è attesissima da adulti e bambini, i quali sono soliti lasciare sotto l’albero di Natale non solo biscotti per lui ma anche rape e carote per rifocillare le sue amate renne!

Insomma quando si parla di Natale vengono in mente le più svariate tradizioni, ma Natale non è solo luci e cene abbondanti. Natale sono gli abbracci calorosi tra parenti che non si vedono da lungo tempo, gli occhi pieni di emozione dei bambini che, con il nasino attaccato alla finestra ghiacciata e le orecchie tese, stanno in attesa di Babbo Natale e della sua slitta, la fine di una discordia durata troppo a lungo, il coraggio di dire “ti amo” e la speranza. Sì, speranza, perché per quanto si cerchi di negarlo, ognuno di noi a Natale spera che qualcosa possa ancora cambiare, che con l’arrivo del nuovo anno qualcuno dei buoni propositi possa realizzarsi e, come diceva Celine Dion in “So this is Christmas”, let’s hope it’s a good one, without any fear, speriamo sia un buon anno, senza alcuna paura.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...