IL MITO DI CADMO

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

di Alice Liistro

Nella mitologia sono presenti molti racconti che narrano le storie di uomini e Dei.

Alcuni sono molto conosciuti rispetto ad altri ed oggi andremo ad analizzare quello di Cadmo e della nascita della città di Tebe.

Cadmo era figlio di Agenore re di Tiro e di Telefassa, dunque fratello di Cìlice, Fenice ed Europa. Quest’ultima venne rapita da Zeus e il padre, mosso da un profondo dolore, prese la decisione di mandare i propri figli alla ricerca di Europa, dicendo loro di non tornare senza di lei. Nessuno di essi avrebbe fatto ritorno in patria.

Cadmo per trovare l’amata sorella si spinse fino a Delfi in cerca di un aiuto da parte dell’oracolo, il quale però gli consigliò di abbandonare la ricerca della sorella e di seguire una mucca fino a che essa non si sarebbe accasciata al suolo stremata nel punto esatto in cui lui avrebbe dovuto fondare la sua città, che prese poi il nome di Tebe.

Grato agli dei Cadmo decise di compiere un sacrificio di ringraziamento, mandando i suoi compagni a prendere in una fonte vicina l’acqua necessaria al sacrificio. Essi arrivati alla fonte vennero uccisi da un drago, caro ad Ares, che a sua volta venne sconfitto da Cadmo stesso, che sotto consiglio di Atena, seminò i denti della bestia. Dopo aver compiuto questo atto, dal sottosuolo, sbucò un intero esercito di uomini, ma, sempre seguendo un  suggerimento di Atena, scagliò contro di loro una pietra ed essi, accusandosi l’un l’altro, iniziarono ad uccidersi a vicenda. Solo cinque di loro sopravvissero, uomini dotati di incredibile forza che sotto l’ordine di Cadmo costruirono le fondamenta di Tebe.

Potrebbe sembrare che il finale, a differenza di tanti altri miti, sia positivo ma non è così.

Infatti Cadmo dopo essersi sposato con Armonia ed aver avuto quattro figlie e una figlio, aveva attirato contro di sé la maledizione del Dio Ares, ancora irato per l’uccisione del suo drago. Influenzato dal maleficio fu proprio Penteo, uno dei nipoti di Cadmo, a spodestare il nonno ed esiliarlo insieme ad Armonia. I due, avendo impietosito gli dei, vennero trasformati in serpenti e accolti nei Campi Elisi.

Nonostante per noi il mito di Cadmo è solamente un racconto antico su cui ci capita di fare delle versioni, per la civiltà greca esso rappresentava una vera e propria informazione storica, ma in realtà questo mito non nasce propriamente dai greci bensì dalla civiltà dei Beoti che poi influenzarono quella greca.

In Asia Minore le famiglie più nobili arrivarono persino ad affermarsi discendenti di Cadmo stesso.

La conclusione a cui si può arrivare è : non andare a cercare mai la sorella che Zeus ha rapito.

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...