Fisica tra pittura e scultura

È risaputo che noi studenti del liceo classico non abbiamo un buon rapporto con le materie scientifiche, in particolare con la fisica. Vogliamo dimostrarvi che la fisica però non è poi così distante dalle materie umanistiche; Il primo, seppure banale, esempio del legame tra mondo classico e mondo scientifico lo possiamo ritrovare proprio nell’etimologia di fisica che deriva dal greco “physis”, ovvero natura.

Come questo , tanti altri chiari esempi di questo stretto legame sono individuabili nella filosofia  ,nella letteratura e nell’arte .

Ad esempio vogliamo dimostrarvi con pochi cenni come l’arte ci permette di concretizzare e agevolare la comprensione di concetti fisici apparentemente astratti. Iniziamo con le varie branche della Fisica classica per le quali abbiamo scelto le seguenti opere d’arte.

 

  • Meccanica: dal greco “mechané” ossia “macchina”, studia l’equilibrio e il movimento dei corpi. essa si divide ulteriormente in tre parti diverse :atene-3
  1. Statica: dal greco statòs, “che fa stare fermo”. La statica studia le condizioni di equilibrio di un corpo materiale affinché quest’ultimo rimanga fermo

il-pensatore

  1. Rodin, Il pensatore (1902)-Parigi,Muséè Rodin

 

Il pensatore non si muove (cioè non cambia la sua posizione rispetto al sistema di riferimento) e questo perché non ci sono forze non equilibrate che si esercitano sul suo corpo. La forza di gravità lo tira giù, ma essa equilibrata dalle forze con cui il suolo reagisce al peso del pensatore.

 

  1. Cinematica: dal greco kynema, “movimento”. La cinematica studia il movimento dei corpi indipendentemente dalle cause che lo provocano

 

apollo_dafne

G.L.Bernini, Apollo e Dafne (1622–1625)-Roma,Galleria Borghese

Apollo e Dafne sono così leggeri che sembrano muoversi senza che noi pensiamo alla causa che ha portato il movimento,cioè senza precisare le cause del loro movimento.

 

  1. Dinamica : dal greco δύναμις cioè “forza” . La dinamica studia la relazione fra il moto e le cause che lo producono .

discobolo

Mirone, Discobolo(455 a.C.)- Roma, Museo nazionale romano di Palazzo

Si avverte che il disco stia per sfuggire via dalla mano del Discobolo perché è la forza del braccio che lo lancia lontano.

 

La termologia : dal greco termos logos ( discorso sulla temperatura ) studia i fenomeni legati al trasferimento di calore ed alla temperatura

monet%2c-treno-nella-neve

Monet, Il treno nella neve (1877), Parigi, Musée Marmottan

La locomotiva a vapore è un veicolo, azionato da un motore a vapore destinato alla trazione di un treno. Il motore a vapore trasforma tramite il vapore l’energia termica in  energia meccanica.

 

L ‘acustica : dal greco akuo “sentire “ , studia le proprietà del suono .

santa-cecilia-saraceni

  1. Saraceni, Santa Cecilia e l’Angelo, 1610, olio su tela, Galleria Nazionale di Arte Antica, Roma

Il suono emesso dai diversi strumenti ha tre proprietà: l’altezza, il timbro e l’intensità. Per quanto riguarda il timbro è la proprietà per cui un suono è percepito di diversa qualità a seconda della fonte sonora che lo emette e dal modo in cui è messo in vibrazione il corpo vibrante. Il timbro dipende dalla forma delle vibrazioni e su queste influiscono ,e quindi di conseguenza sul timbro, la forma e il materiale di cui è costituito il corpo vibrante e il modo in cui esso viene sollecitato.

Ottica : Dal greco  optikḗ (tékhnē) ‘arte delle cose visive’ . Essa studia le proprietà della luce.

23

Caravaggio, 1599-1600 , Cappella Contarelli in San Luigi dei Francesi a Roma

Il motivo principale del quadro è il fascio di luce che proviene dalle spalle di Gesù che Caravaggio vuole farci percepire come spirituale ,portatrice della parola divina. In fisica la luce è un’onda elettromagnetica che si  propaga nel vuoto.  Tutti i corpi in grado di emettere onda elettromagnetica sono una sorgente di luce. La propagazione della luce è rettilinea, è per questo che si parla di raggi luminosi che incontrando un ostacolo formano le ombre.

  • Elettromagnetismo : Dal greco elektromagnetismos , studia le relazioni tra fenomeni elettrici e fenomeni magnetici.

640px-giorgione_019

Giorgione, La Tempesta (1505-1508 circa); olio su tela; Gallerie dell’Accademia, Venezia

I fenomeni elettrici e quelli magnetici sono legati. Oggi lo diamo come una cosa acquisita, ma fino all’inizio dell’800 lo studio sull’elettricità e magnetismo era separato in due settori ben distinti nella fisica.

 

 

Perché anche voi non provate a trovare altre opere che permettono di illustrare gli stessi argomenti o tanti altri così da offrire nuovi stimoli a tutti noi studenti ?

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...