Alternanza: opportunità o vetrina del sistema?

di Benedetta De Pasquale e Camilla Perugini

“Un’esperienza formativa innovativa per unire sapere e saper fare, orientare le aspirazioni degli studenti e aprire didattica e apprendimento al mondo esterno”.

Così viene descritto il progetto di Alternanza Scuola Lavoro sul sito del MIUR. Analizzando le proposte presentate per il corrente anno scolastico viene spontaneo interrogarsi sulla reale utilità di questo nuovo obbligo formativo. Quali le opzioni per noi studenti del liceo classico? Percorso giuridico, attività nella protezione civile, lavoro in archivio, creazione di cortometraggi e audiolibri, ricerca di miti e leggende legati alla flora del Museo della terra Pontina, fitoterapia e catalogazione di piante. Le opportunità offerte, pur essendo molte, rispecchiano solo in parte gli interessi e le prospettive degli alunni che si vedono ugualmente costretti a portare avanti percorsi dei quali non comprendono le finalità formative. Un fattore rilevante è quello collegato alla riforma dell’esame di maturità: l’ASL sarà infatti oggetto della prova orale. Sembra un paradosso: come possiamo orientarci in un mondo tanto vasto come quello del lavoro se la scelta è in realtà limitata e limitante? Ma la domanda più frequente è: dove è da ricercare la radice del problema? La colpa non è certo imputabile alla scuola, ridotta purtroppo a pedina per la realizzazione di un progetto più ampio. Nonostante le ‘belle parole’spese dal Ministero per illustrare l’iniziativa, coloro che sono interni al mondo della scuola (e in particolare a quello del liceo), si rendono immediatamente conto che non sussistono le condizioni necessarie per la sua messa in atto. Le aziende stesse non ripongono fiducia nelle modalità di organizzazione e non offrono quindi la disponibilità per accogliere noi studenti in qualità di tirocinanti. Il fulcro del problema è dunque chi impone e promuove questo progetto per nobilitare il sistema scolastico italiano senza interessarsi delle conseguenze pratiche alle quali si va incontro.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...