Alcool tra i giovani: sono i dati a parlare

di Giulia Salvatore, Luna Boiago

Di recente è stato svolto nel nostro liceo un sondaggio riguardante il rapporto che i giovani hanno oggi con l’alcool, secondo le varie fasce d’età. Sono state scelte della classi campione, una per ogni anno.

art alc 2

 

Nella quarta ginnasiale presa in questione, i dati si sono rivelati molto positivi: su circa 20 ragazzi solo 2 dichiarano di avene fatto uso, magari solo in minima quantità, e nessuno ha mai provato superalcolici.

La situazione è invece molto diversa per la classe dell’anno successivo: il 95% degli alunni ha fatto uso di alcool fuori casa, le discoteche e i pub risultano essere i più comuni, principalmente perché in cerca di divertimento in compagnia degli amici oppure per la curiosità di provare. Per fortuna quasi nessuno ne fa uso abitualmente.

Lo stato tra i ragazzi della prima liceale cambia di poco riguardo alla quantità degli studenti che ne hanno fatto uso, ma differisce sul tipo di alcoolico assunto: la maggior parte fa sia uso di alcolici che di superalcolici e alcuni bevono abitualmente. I motivi principali riferiti riguardano il divertimento con gli amici ma anche il semplice piacere del bere. Il 5% afferma di averlo fatto solo per sentirsi grande, per poi pentirsene. I luoghi principali sono ancora le discoteche, i pub, ma anche a casa di amici.

Inaspettatamente si migliora un po’ per gli alunni del secondo, poiché, anche se tutti bevono occasionalmente alcool, nessuno lo fa abitualmente e la quantità di superalcolici assunti è praticamente pari zero. Ulteriore miglioramento per i ragazzi dell’ultimo anno: ben il 10% dichiara di non assumere alcool. Una parte però assume superalcolici. Anche in questo caso molti di loro bevono per divertimento soprattutto il sabato sera.

Da questi dati emerge che il consumo di alcool tra i giovani è piuttosto alto e sorprendentemente presente soprattutto tra i ragazzi più giovani. Ma purtroppo questo sondaggio è stato preso poco sul serio da molti studenti, e perciò non ci è possibile i definire meglio la situazione in questione.

art alc

Sembrerebbe che il fenomeno si diffonda piuttosto in quell’età in cui i ragazzi sono alla ricerca di nuove esperienze “trasgressive”, per varcare la soglia dell’adolescenza e come mezzo di socializzazione. Infatti il fenomeno sembra almeno in parte correggersi con l’età più matura. Alla luce del sondaggio svolto possiamo affermare che i giovani d’oggi sentono la necessità di socializzare sotto l’effetto di alcolici. Lo stato d’ebrezza permette di essere più sciolti, e apparentemente più amichevoli, ma in sostanza annulla la propria personalità . Ciò causa la costruzione di rapporti finti poiché nati in situazione dove non si è se stessi. Il problema dell’alcool è dunque un problema sociale , un tragico dramma che sta distruggendo i rapporti sociali giovanili, al quale trovare una soluzione sembra impossibile.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...