I 15 acquisti più cari dell’estate calcistica (pt.2)

Continuiamo il nostro excursus sul calciomercato estivo, entrando oggi nella top ten degli acquisti più costosi.
Dati Transfermarkt

10. Romelu Lukaku 35,3 mln
Dopo il passaggio dall’Anderlecht al Chelsea nell’estate di tre anni fa, il nativo di Anversa, cui sin dalle giovanili è stata “appioppata” l’etichetta del predestinato,  ha mostrato le sue doti fisiche (marcantonio di 191 cm x 100 kg circa) nonché tecniche (il sinistro ricorda ai più il piede di un certo Didier Drogba) a intermittenza. Il doppio prestito al West Bromwich e all’Everton ha portato alla crescita della consapevolezza dei propri mezzi. Proprio i Toffees,  sotto la guida sapiente del manager Roberto Martinez, hanno deciso di puntare sul centravanti belga, versando nelle casse dei Blues una somma assolutamente ragguardevole. Il ragazzo affronta oggi la pressione della Premier con la sicurezza di un veterano, nonostante i soli 21 anni di età:5 gol in 17 partite non sono però un bel biglietto da visita per un attaccante.  Per aspera ad astra.

image

9. Ander Herrera 36 mln
Dal San Mamés all’Old Trafford, il passo non è breve. Giocare nel “teatro dei sogni” rappresenta l’ambizione di ogni calciatore sin dai primi calci mossi nei pulcini. Louis Van Gaal ha pagato l’intera clausola rescissoria fissata dall’Athletic di Bilbao per aggiudicarsi uno dei centrocampisti più corteggiati a livello europeo, nelle mire di mezza Premier League. Il rendimento è stato tuttavia al di sotto delle aspettative: 5 sole prove incolori e opache, se si eccettua quella condita da un gol nel roboante 4-0 casalingo rifilato al Qpr dopo il primo segnato nella rocambolesca sconfitta per 5 a 3 con il Leicester City. Anche per lui più tempo passato in infermeria che sul campo da gioco, essendo stato condizionato da un infortunio alla caviglia. Abile interditore,  il 25enne basco abbina un’ottima visione di gioco a una raggiunta maturità tattica. Viene talvolta paragonato a Iniesta: scomodare una leggenda vivente del calcio come Don Andrés può risultare eccessivo.

image

8 Luke Shaw 37,5 mln
Commentando il trasferimento di Shaw al Manchester United,  Mourinho ha assicurato: “Avessimo dato a un ragazzo di 19 anni i soldi che ci ha chiesto saremmo morti”. Evidentemente questa dichiarazione non ha toccato più di tanto il manager dei Red Devils sovracitato. Quest’anno non si è certo badato a spese. La penuria di terzini sinistri ha permesso, a livello continentale,  l’apertura del panorama su giovani molto interessanti. Shaw,  classe ’95 ex Southampton, ne ha approfittato,  firmando un quadriennale con lo United. Gli sceicchi avrebbero fatto carte false pur di acquistare il giovane, ma sono stati battuti sul tempo. Cosa ha motivato questa follia per un 19enne che,  dopo 7 presenze e appena 535′ in campo, si ritrova fermo ai box per via di problemi alla coscia? Il terzino mancino ha riscosso l’attenzione dei media inglesi  con prestazioni travolgenti. La fascia sinistra è il suo terreno di caccia, l’area avversaria la sua preda: salta regolarmente l’uomo, creando superiorità. Poi continua con una serpentina incuneandosi in area oppure si allarga per ricamare un cross destinato agli inserimenti dei compagni. Dotato di un agonismo senza pari,  questo ragazzo ha tutte le carte in regola per affermarsi a livello mondiale. Il tempo è denaro e Luke, che a quanto pare di soldi se ne intende, non vuole sprecarlo.

image

7 Diego Costa 38 mln
“Essere o non essere,  questo è il problema”. Diego da Silva Costa calca i prati inglesi da poco tempo e di tragedia shakespeariana non è proprio un esperto.  Forse anche perché lui, col dubbio amletico, non si trova a suo agio. Ha per caso mostrato titubanza, cambiando la casacca brasiliana con quella spagnola la vigilia dei mondiali? Ha per caso mostrato timidezza, di fronte alla possibilità di vestire ma maglia del Chelsea dopo anni e anni di gavetta e una finale di Champions League persa contro gli acerrimi rivali del suo Atletico? Il giocatore, che vanta nel suo palmarès anche la Liga 2013-14, ha convinto tutti a suon di gol, ben 56 in 96 presenze ufficiali nell’ultimo biennio. Animale d’area, lottatore infaticabile,  grande opportunista: questo e altro è Costa, attaccante per cui Mourinho stravede e che viaggia a una media realizzativa strepitosa in campionato,  11 gol in 10 partite. La dedizione e il sacrificio stanno premiando il brutto anatroccolo ex Albacete. L’asse con Fabregas funziona alla meraviglia, che il Chelsea abbia finalmente azzeccato il mercato?

image

6 Eliaquim Mangala 40 mln
40 come i giorni del diluvio universale; 40 come i ladroni della favola di Alì Baba’; 40 milioni ovvero l’ammontare della “spesuccia” del Manchester City in casa Porto. Coriaceo difensore dalla stazza imponente,  Mangala è stato comprato per diventare il fulcro della difesa assieme al capitano Vincent Kompany. Il gigante francese, che con il Porto si era dimostrato un prospetto di sicuro avvenire, ha convinto gli emiri all’investimento. 5 presenze in campionato, 5 con la maglia della nazionale maggiore transalpina, 5 gli anni di contratto che gli rimangono per mettere a tacere le critiche. Come si suol dire, i cavalli si vedono all’arrivo, inutile perciò giudicare un calciatore il cui valore è ancora tutto da dimostrare.

image

Segue…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...