Che cosa intendi per fotografia?

di Luca Mentrasti e Giammarco Pumo.

“Da quando esiste Photoshop non siamo più disposti a concedere alla fotografia lo status di rappresentazione oggettiva della realtà.”

 (Marco Pratellesi)

Ultimamente, il numero di giovani in grado di scattare una fotografia sta aumentando a dismisura. Con il progredire delle nuove tecnologie, l’istantanea perde la sua funzione comunicativa divenendo solo un comune strumento con il quale condividere esperienze di vita quotidiana. Ormai si è persa quella curiosità e quel senso di stupore che spinse le generazioni passate a fermare il tempo, al fine di conservare quell’attimo per poi riviverlo in qualsiasi instante della propria vita.

Cosa vuol dire fotografare?

Solitamente si usa indicare la fotografia come un un procedimento ottico, meccanico e chimico mediante il quale si ottengono immagini dovute alle variazioni prodotte dalla luce su determinate sostanze. Più semplicemente, fate finta che lo scatto di una fotografia sia un po’ come la scrittura di un tema, soltanto che all’ inchiostro viene preferita la luce. Premendo quel pulsante, avrete la possibilità di “scrivere” il vostro tempo, la vostra vita, rappresentando una realtà diversa per ognuno di noi. Se consideriamo lo “scattare” come lo “scrivere”, ci sorprenderemo nello scoprire che ogni immagine racchiude in sé l’unicità di un singolo momento che, con molta probabilità, non rivivremo mai più.
Con una fotografia, possiamo portare l’interessato dal suo al nostro mondo, possiamo fargli provare esperienze, emozioni, sentimenti… Quando si guarda una fotografia si è entrati automaticamente nell’ universo dell’autore, nel suo modo di vedere e concepire ciò che gli sta intorno.

fotografo

L’approccio è fondamentale 

Al giorno d’oggi, la fotografia viene considerata più una sorta di “visione” che una forma d’arte. Per un principiante, fotografare è ciò che è accettabile, nitido e ben definito. Presto però comprenderà che non basta avere la migliore attrezzatura per ottenere il risultato sperato. Spesso gli artisti, pur non disponendo di un buon equipaggiamento, ottengono immagini eccellenti perché sanno osservare e immaginare. 

La tecnologia che cambia volto alla fotografia

 Con l’aggiunta di una semplice fotocamera nei telefoni, nei tablet e nei PC, trovare una fotografia con un minimo di valore è l’equivalente di trovare una suora in un bordello. Che ci si trovi a scuola, in un ristorante o in bagno, la scusa per scattarsi una foto non manca mai. Questa trovata ha condannato quello che una volta era fotografare, trasformando la fotografia in un futile strumento di condivisione sociale.
Più volte ci sarà capitato di vedere, per caso o nei social network, fotografie che all’apparenza sembrano insensate. La prerogativa dei giovani d’oggi è quella di scattare per “attrarre”, ma la fotografia non è questo. Se si fa della “superficialità” il soggetto della propria fotografia, non verrà mai fuori il carattere, finendo a fare cose che hanno fatto tutti, solo perché attirano.

Fotografate per distinguervi!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...